.
Annunci online

 
cicaletta 
il caos è il mio regno
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Benni
Un click per far mangiare un bambino
DYD
Outrage: un suono che ti entra dentro!
La cosa più bella che abbiano mai scritto
Una firma per Amina!
Giochi di ruolo!
Come dimenticare il caro vecchio Charlie Brown?
Dona 1 Euro!
  cerca

DISCLAIMER (ATTENZIONE): l'Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. I commenti anonimi saranno inevitabilmente cancellati.

 

 

 

 

 

 



 
 
La mail è cambiataaaa:   cicaletta@gmail.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Io penso a quella vecchia barzelletta, sapete, quella dove uno va da uno psichiatra e dice: " Dottore, mio fratello è pazzo, crede di essere una gallina! ". E il dottore gli dice: " Perchè non lo interna? ". E quello risponde: " E poi a me le uova chi me le fa? ". Beh, credo che corrisponda molto a quello che penso dei rapporti uomo-donna, e cioè che sono assolutamente irrazionali e pazzi e assurdi...ma credo che continuino perchè la maggior parte di noi ha bisogno di uova...

Woody Allen in " Io e Annie"

 

 

Può essere che l'amore non faccia girare il mondo, però devo ammettere che fà sì che il viaggio valga la pena.

SU GIOIA E DOLORE

Allora una donna disse: Parlaci della Gioia e del Dolore.
   E lui rispose:
   La vostra gioia è il vostro dolore senza maschera,
   E il pozzo da cui scaturisce il vostro riso, è stato sovente colmo di lacrime.
   E come può essere altrimenti?
   Quanto più a fondo vi scava il dolore, tanta più gioia potrete contenere.
   La coppa che contiene il vostro vino non è forse la stessa bruciata nel forno del vasaio?
   E il liuto che rasserena il vostro spirito non è forse lo stesso legno scavato dal coltello?
   Quando siete felici, guardate nel fondo del vostro cuore e scoprirete che è proprio ciò che vi ha dato dolore a darvi ora gioia.
   E quando siete tristi, guardate ancora nel vostro cuore e saprete di piangere per ciò che ieri è stato il vostro godimento.
   Alcuni di voi dicono: "La gioia è più grande del dolore", e altri dicono: "No, è più grande il dolore".
   Ma io vi dico che sono inseparabili.
   Giungono insieme, e se l'una siede con voi alla vostra mensa, ricordate che l'altro è addormentato nel vostro letto.

   In verità voi siete bilance che oscillano tra il dolore e la gioia.
   Soltanto quando siete vuoti, siete equilibrati e saldi.
   Come quando il tesoriere vi solleva per pesare oro e argento, così la vostra gioia e il vostro dolore dovranno sollevarsi oppure ricadere.

           Kahlil Gibran

Non si vede bene che col cuore. L'essenziale e' invisibile agli occhi.


 

Diario | Scritti sparsi | Canzoni | Tonta!!! | Film | Arte | Libri |
 
Diario
275322visite.

1 febbraio 2012

Cambiare...

Dato che non posso cambiare quello che mi circonda, me la sto prendendo con i miei capelli...con risultati del caso.

Appena esco dalla parrucchiera mi sento tanto figa, poi inizio ad avere i rimorsi di coscienza, seguiti dalla disperazione più totale dopo il primo lavaggio fatto in autonomia.
Sempre, puntualmente.

Uscita mi sentivo splendida.
Il secondo giorno, complici gli occhiali da riposo (poi, che riposo se li devo usare quando lavoro???) e il maglione color senape, ero convinta di assomigliare a lei (seppur in versione smilza)


Dopo il primo lavaggio invece pensavo di assomigliare, mora, a st'altra pazza che poi s'è sparata



di bene in meglio.


La prossima volta che vado dal parrucchiere, vi prego, legatemi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. acconciature cambiamenti forbici pazze

permalink | inviato da cicaletta il 1/2/2012 alle 18:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio